full screen background image

Josè Restaurant e lo chef Iavarone in campo per solidariet

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Protezione civile, ristorante stellato degli imprenditori torresi e associazione di volontariato. È la ricetta messa in campo a Torre del Greco per aiutare le persone in quarantena e i soggetti più fragili costretti a casa a causa dell’emergenza Coronavirus. È il “circolo virtuoso” messo in moto per aiutare le tante famiglie in difficoltà economiche o impossibilitate a spostarsi di casa perché in “isolamento domiciliare”. A unire le forze in campo l’associazione di volontariato Irt, che grazie al suo presidente Salvatore Ciaravolo e al lavoro di Giovanni Accardo sta raccogliendo tutte le richieste di aiuto ma anche le donazioni che stanno pervenendo dalla città e dai comuni limitrofi: “Abbiamo tra l’altro ricevuto in donazione 300 chili di pasta e 300 chili di passata di pomodoro che stiamo distribuendo”.
Sulla loro strada i volontari dell’Irt hanno trovato l’associazione “Gli occhi di Claudio” coordinata da Tommasina Pinna e il team del ristorante stellato Josè Restaurant della famiglia Confuorto con lo chef Domenico Iavarone, che hanno deciso per l’emergenza in corso di cucinare, fornendo pasti gratuitamente, con il supporto di aziende fornitrici come Ardolino Ristorazione, per aiutare le famiglie in difficoltà del territorio vesuviano.
“In questo momento di grande difficoltà dobbiamo restare uniti e cercare di aiutare i meno fortunati – commentano Jose Guidone e lo chef Domenico Iavarone – Continueremo ogni giorno a cucinare e fornire pasti gratis per chi ne ha bisogno, segnalati da Protezione Civile e associazione Gli occhi di Claudio. Invitiamo cittadini, colleghi, aziende a contribuire per aiutare i bisognosi delle proprie città rivolgendosi alla protezione civile e alla Croce Rossa. Restiamo uniti, diamo spazio ai nostri cuori e alla nostra umanità e andrà tutto bene”.




Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *