full screen background image

Grano Duro Italiano, si registra un calo nel 2019 nelle regioni Puglia e Sicilia

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

granodi Fosca Tortorelli

La coltivazione del grano risale a più di 5000 anni fa, la produzione di questo prezioso alimento ha concorso allo sviluppo di società più organizzate e complesse. L’importanza della sua coltivazione cresce con il passare dei secoli e oggi, grazie al lavoro di tanti piccoli produttori che si stanno impegnando per ridargli valore e territorialità, questa produzione sta riacquisendo importanza.

L’Italia è uno dei principali produttori europei di grano duro destinato alla produzione di pasta, secondo i dati Crea e Coldiretti.Il raccolto previsto nel 2019 è in calo rispetto all’anno scorso, soprattutto in Puglia e Sicilia, che da sole rappresentano circa il 40% della produzione nazionale.

Il dato positivo è che intanto crescono del 5% la superfici coltivate a grano biologico e che, a poco più di un anno dall’obbligo di indicare l’origine del grano sulle etichette della pasta, il valore del frumento duro in Italia è cresciuto del 20%.

Il boom delle paste 100% di grano italiano, con l’obbligo di indicazione di origine in etichetta, diventa quindi elemento di trasparenza che ha portato ad un profondo cambiamento sugli scaffali dei supermercati, dove si è assistito alla rapida proliferazione di marchi e linee che garantiscono l’origine italiana del grano impiegato.

Ma torniamo al suo ciclo produttivo; il frumento ha un ciclo di coltivazione annuale che si conclude con la mietitura e la trebbiatura, momenti che hanno sempre rappresentato occasione di festa e appuntamento importante nel calendario agricolo.

Riguardo la mietitura, questa pratica consiste nel taglio della pianta, mentre la trebbiatura coincide con la separazione dei chicchi dalla paglia e dalla pula (involucro dei chicchi dei cereali).

In Italia e in particolare nelle regioni del centro sud, questa fase inizia verso la fine di giugno e si conclude verso il 20 luglio, ma ovviamente sono le condizioni climatiche a scandire i momenti di raccolta.




Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *