full screen background image
Search

Ravello: Giovanni Vanacore il nuovo Executive Chef di Palazzo Avino

Dall’eccellenza del Rossellinis al prestigio della Terrazza Belvedere, Giovanni Vanacore diventa protagonista assoluto della proposta gastronomica di Palazzo Avino. Una passione per la cucina nata e cresciuta tra le mura della casa d’infanzia di Napoli, grazie all’educazione di una famiglia da sempre legata alla tradizione culinaria e alla continua ricerca delle materie prime.
Giovanni Vanacore, classe ’85, approda alle cucine del Palazzo dopo una serie di esperienze illustri, dall’Hostaria dell’Orso di Roma al ruolo di Sous Chef al Comandante di Napoli, nel periodo in cui la Guida Michelin ha premiato il ristorante con la preziosa stella. Ma è l’incontro con lo Chef bistellato Gennaro Esposito a segnare particolarmente la sua carriera, diventando suo grande maestro e mentore. Anche nella collaborazione con la preziosa residenza di Ravello, la filosofia e gli insegnamenti di Esposito saranno fonte di ispirazione e punto di riferimento nell’elaborazione di piatti che sappiano valorizzare il territorio.
“È per me un onore entrare a far parte del team di Palazzo Avino, uno dei massimi esempi dell’ospitalità del Sud Italia”, afferma lo chef. “Il Rossellinis, che ha accolto negli anni chef illustri come Anthony Genovese e Pino Lavarra e tra i primi in Campania a ricevere due stelle Michelin, è da sempre un grande esempio di tradizione e sperimentazione. Per questo, prendere le redini della sua cucina suscita in me massimo entusiasmo e allo stesso tempo costituisce un’importante sfida. La Terrazza Belvedere rappresenta invece l’occasione per approfondire lo studio della tradizione campana, a me particolarmente cara, raggiungendo livelli sempre più elevati. Sono molto emozionato e determinato nel perseguire gli obiettivi: è un’occasione imperdibile, di quelle che capitano poche volte nella vita. Mi aspetta un lavoro tanto impegnativo quanto stimolante. Un ringraziamento speciale va alla proprietà, per questa importante opportunità e allo chef Gennaro Esposito, che ha sostenuto la nascita di questa collaborazione e sul cui supporto e disponibilità al confronto sono sicuro di poter sempre contare”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *