full screen background image
Search

La ricetta del giorno: Canaletti Mantecati al coniglio ischitano, friarielli ripassati e buccia di limone

ricetta Canaletti coniglio ischitano Pasquale PALAMAROAl mese di Febbraio del calendario Leonessa 2019, lo Chef Pasquale Palamaro, del ristorante Indaco dell’Hotel Regina Isabella di Ischia, prepara i Canaletti Mantecati al coniglio ischitano, friarielli ripassati e buccia di limone.

Ingredienti: 400g Canaletti Leonessa, 1 coniglio, 1 fascio di Friarielli, 200ml Vino Biancolella, 100g Pomodorini, 2 spicchi di Aglio, 1 rametto di Timo, 1 ramo di Basilico, 1 Limone bio, Olio Extravergine d’Oliva, Sale, Pepe q.b.
In una padella larga rosolo il coniglio fino a rendere la superfice della carne un colore bronzo, bagno con il vino, lascio ridurre fino alla metà ed aggiungo i pomodorini che ho tagliato precedentemente, timo e basilico. Lascio cuocere con il coperchio per 45 minuti. Salto in padella i friarielli con aglio e olio mantenendoli al dente e vi grattugio la buccia di un limone. Cuocio i Canaletti in abbondante acqua salata e li manteco con il sugo del coniglio. Impiatto la pasta mantecata e adagio sopra qualche pezzo di coniglio privo di ossa, i friarielli al limone e servo ben caldo.

Abbinamento vino di Emanuele Izzo, delegato Ais Penisola Sorrentina.
Vino bianco: Biancolella d’Ischia
Un piatto che gioca su elementi di forza finemente combinati tra loro…come nel caso del vino scelto in abbinamento: un bianco che arriva dall’isola di Ischia, una delle culle del vino per la regione Campania. Qui il coniglio è un “must” ma lo è anche l’uva Biancolella, che trasformata in vino sviluppa note fruttate e floreali, profumi di erbe aromatiche e una buona persistenza al gusto presentandosi con un colore giallo paglierino di affasciante tonalità. Due “must” che si incontrano e si abbinano alla perfezione, perché la storia e la geografia in questo caso esaltano l’abbinamento tecnico ed esaltano soprattutto il piatto…e quindi l’impegno di chi segue la ricetta e prova, divertendosi, a realizzarla.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *